LA NOSTRA STORIA

Nel giro di pochi anni apriva la sua fabbrica, il calzaturificio Orfei nel cuore di Roma, luogo nel quale vengono ancora prodotte le nostre scarpe. Da qui l’ascesa è stata irresistibile, le sue scarpe sono state un must nel periodo della Dolce Vita, anche Audry Hepburn è stata una sua affezionata cliente.

Ha collaborato a lungo con noti marchi del panorama italiano per i quali ha prodotto scarpe che sono state vendute in tutto il mondo, anche negli Emirati Arabi. Le scarpe di Libero sono state prodotte per le sfilate d’alta moda di famosi stilisti italiani. Attualmente lo stilista alla guida della maison è Gianluca, figlio primogenito di Libero, che ha ereditato dal padre la stessa passione per le scarpe da donna e che dopo gli studi e i master all’estero è passato alla guida con un tocco di modernità, ma sempre nel rispetto della più antica tradizione calzaturiera. Giorgia è la nipote di Libero e di Gianluca e sta muovendo i primi passi nel mondo della moda; il suo amore per le scarpe l’ha portata a creare una sua linea in tandem con lo zio, che si differenzia per la freschezza del prodotto ma non tradisce l’altissima qualità che da sempre contraddistingue il nostro marchio.

COME NASCE IL PRODOTTO

Il primo passo verso una scarpa perfetta è il disegno dello stilista, subito dopo, proprio come per un abito d’alta moda, il modellista crea il cartamodello dal quale poi verranno sviluppati successivamente tutti i cartamodelli per tutte le misure che si intendono realizzare. I cartamodelli vengono passati al tagliatore che manualmente provvede a tagliare la pelle per la successiva lavorazione delle tomaie, la parte superiore della scarpa, che verranno lavorate dalle orlatrici. Successivamente vengono passate al montatore che le mette sulla forma della scarpa e provvede ad unirle alla suola con il mastice, dopo di che vengono montati i tacchi, che precedentemente a seconda del modello saranno stati verniciati e ricoperti di vari materiali. L’ultimo passaggio consiste nella  rifinitura dove le scarpe vengono lucidate, pulite da eventuali residui della lavorazione e inscatolate.